Viaggi del Genio

Telefono: +39.0565.944374 | Mail: info@viaggidelgenio.it


Tour del Marocco: da Marrakech a Ouarzazate attraverso le montagne dell’Atlante

Destinazioni:

Se siete intenzionati a fare un viaggio in Marocco, oltre al classico tour delle città imperiali, il consiglio è quello di percorrere l’itinerario che, partendo da Marrakech, attraverso la celebre strada n. 9, arriva a Ouarzazate. Dopo una notte in hotel a Marrakech, di buon mattino, imboccate questa spettacolare strada panoramica che attraversa le montagne dell’Alto Atlante, salendo fino al passo di Tizi n’Tichka, a 2260 metri di altitudine: numerose sono le popolazioni berbere che abitano questa zona, una sorta di territorio di passaggio che ci allontana dal Marocco più tipicamente mediterraneo per avvicinarci all’Africa pre-sahariana. Attraverseremo un paesaggio arido e pietroso, squarciato tuttavia da sorprendenti aree verdi – palme, alberi da frutta, coltivazioni di vegetali e di rose – laddove l’acqua affiora, dando luogo al prodigio delle oasi. Intorno a noi si dispiegheranno le manifestazioni dell’architettura berbera, straordinari ricami di terra e di fango. Visiteremo il palmeto di Skoura, vasta oasi disseminata di kasbah e la famosa kasbah di Ait Ben Addhou.

Ait Benhaddou e la via delle mille kasbah

Destinazioni:

Viaggi e Tour in Marocco con Viaggi del GenioA differenza di altri ksar della zona quello di Ait Benhaddou è rimasto inalterato nel tempo, e proprio per questo è stato scelto come set di più di due dozzine di film: durante questo viaggio in Marocco ci aggireremo per le stradine intricate di questo ben conservato ksar, e salendo al maschio dell’antica Kasbah potremo – in primavera – apprezzare lo scenario contrastante offerto da questo panorama semidesertico e dalle nevi che punteggiano la catena dell’Atlante. Continueremo, attraverso la valle delle rose e Ouarzazate, fino alle Gole del Dades. Qui ha inizio la strada delle mille Kasbah. Un breve tragitto in auto conduce alla città di Tinerhir, per salire alle Gole del Todra, che si snodano fra pareti a picco alte più di trecento metri, che rappresentano una delle principali attrattive del turismo in Marocco. Questi territori erano tradizionalmente abitati da nomadi dediti alla pastorizia, che stanno purtroppo ritirandosi gradualmente dalla zona, a causa della desertificazione e della conseguente riduzione della vegetazione, indispensabile per poter garantire l’alimentazione degli animali.

Il deserto del Marocco e i popoli berberi

Destinazioni:

Durate il tour in Marocco, per raggiungere Merzouga, si attraversa il Tafilalt, regione di forte suggestioni naturali e storiche con immensi palmeti, lunghe cinture di ksar e cimiteri berberi con pietre appuntite. Silenzi e aride distese di ciottoli annunciano il deserto. Sosteremo a Erfoud, principale centro del Tafilalt: vecchia porta del deserto del Marocco, è molto nota per le cave di fossili a cielo aperto. Giunti a Merzouga una suggestiva passegiata lungo la strada asfaltata si spiange verso il deserto fino ad interrompersi davanti alle dune del deserto Erg Chebbi. Trascorrere la notte nel deserto del Marocco durante una vacanza, è un’esperienza indimenticabile. Ospitati nelle tende berbere, dopo una cena a base di piatti locali, il consiglio è quello di… alzare gli occhi al cielo: vi aspetta una stellata davvero straordinaria!

Il viaggio in Marocco continua su mezzi fuoristrada che ci condurranno direttamente nel cuore del deserto Erg Chebbi. Le dune, alte fino a 150 metri, sono le maggiori del Marocco. In questa zona, in autunno-inverno, grazie al particolare clima del Marocco, compare anche un basso lago, popolato da centinaia di fenicotteri rosa. Durante il tour nel deserto in Marocco sarà possibile anche incontrare le popolazioni nomadi che vivono nel deserto di pietra ai confini con l’Algeria. Non molto distante è il villaggio di Ksar Khamilia, dove vivono gli Gnawa, gruppo etnico costituito dai discendenti degli schiavi neri che, dalle zone più meridionali dell’Africa, furono deportati in questi territori nel corso del 1500: noti soprattutto per la loro musica, fortemente ritmata e ipnotica, connessa a riti religiosi, ed oggi divenuta di interesse internazionale. A conclusione delle vostre vacanze in Marocco non fatevi mancare una escursione in dromedario, per ammirare il tramonto fra le dune.

[/grid]