BHUTAN

Il regno della pace

Calendario Partenze

Elenco delle partenze

Africa

Descrizione

Il Regno della pace e della felicità. Uno dei pochi luoghi al mondo ancora profondamente legato al suo passato, quasi immune alle repentine trasformazioni dell’era tecnologica. Nel cuore delle maestose catene himalayane, volutamente isolato, lontano dal frastuono e dal caos del nostro tempo. Paesaggi e ambienti selvaggio e incontaminati, imponenti ed eleganti architetture, natura maestosa, popolo gentile ed ospitale.

VEDI LE FOTO

Quota individuale comprensiva di:

  • Volo internazionale tasse aeroportuali incluse
  • Volo per Paro a/r Tasse aeroportuali incluse
  • Trasferimenti in minibus con autista, a/c.
  • Sistemazione in hotel 3 stelle in camera doppia
  • Trattamento di pensione completa in Bhutan, camera e colazione a Kathmandu
  • Guida locale in inglese
  • Tassa reale del Bhutan
  • Ingressi ai monumenti e siti
  • Visto di Ingresso in Bhutan
  • Assicurazione Medico Bagaglio

La quota non comprende:

  • Supplemento camera singola € 345,00
  • Mance, bevande, extra personali, tutto quanto non espressamente indicato

IL PROGRAMMA

PRIMO GIORNO

Italia – Kathmandu Ritrovo in aeroporto. Partenza da Roma o da Milano con volo per Kathmandu. Operativo volo (indicativo con Qatar Airways Milano ore 16,05 arrivo a Kathmandu ore 08,35 giorno successivo).

SECONDO GIORNO

Kathmandu Arrivo in Nepal. Incontro con la guida. Trasferimento a Kathmandu e visita guidata, (ca. mezza giornata) della capitale nepalese; è il distretto urbano più popolato del Nepal supera i 2 milioni di abitanti. La città, adagiata nell’omonima valle, è attraversata da due fiumi il Bagmati (sacro per gli hindu) e il Vishnumati. Il nucleo più antico della città, Durbar Square, ricca di templi induisti, risale al XVII secolo ed è Patrimonio dell’Umanità Unesco. Trasferimento in hotel. Cena e pernottamento.

TERZO GIORNO

Kathmandu Arrivo in Nepal. Incontro con la guida. Trasferimento a Kathmandu e visita guidata, (ca. mezza giornata) della capitale nepalese; è il distretto urbano più popolato del Nepal supera i 2 milioni di abitanti. La città, adagiata nell’omonima valle, è attraversata da due fiumi il Bagmati (sacro per gli hindu) e il Vishnumati. Il nucleo più antico della città, Durbar Square, ricca di templi induisti, risale al XVII secolo ed è Patrimonio dell’Umanità Unesco. Trasferimento in hotel. Cena e pernottamento.

QUARTO GIORNO

Thimpu Prima colazione e visite a Thimpu. Visitiamo la Biblioteca Nazionale (straordinaria collezione di manoscritti buddisti), l’Istituto Zorig Chusum, scuola nazionale di pittura e delle arti tradizionali. Poi lo stupa Re Chorten, monumento alla pace e alla prosperità del mondo, frequentato da pellegrini in preghiera. Nel pomeriggio visiteremo il Trashichhoedzong, fortezza della gloriosa religione, è la sede del potere politico e spirituale, edificato nel 1641. Completiamo le visite con il Kuensel Phodrang, la più grande statua in paese. In serata tempo libero per la visita del mercato (tessuti fatti a mano, dipinti thangkha, maschere, ceramica, sculture in legno, gioielli). Trasferimento in hotel. Cena e pernottamento.

QUINTO GIORNO

Thimpu Prima colazione. Giornata dedicata alla visita del Thimphu Drupchen Festival di Trashichhoedzong: è la festa sacra più popolare e importante del Regno: danze sacre dedicate alla divinità protettrice del Bhutan, Palden Lhamo. L’evento è molto partecipato, di solito le gente del posto indossa i 6 diversi abiti tradizionali, una esplosione di musica e di colori, in una atmosfera magica, ai piedi del grandioso Dzong e le imponenti montagne sullo sfondo. Rientro in hotel per il pernottamento.

SESTO GIORNO

Thimphu – Punakha 75 km (3 ore ca.) Prima colazione in hotel. Visita del Thimphu Tsechu Festival. Spettacolare e impressionante festa della cultura bhutanese: danze sacre e rituali eseguiti dai monaci con maschere colorate e costumi preparati appositamente per il festival. Il suono dei tamburi e cimbali crea un aura sublime, è un’occasione per ricevere le benedizioni e pregare per la salute e la felicità. Nel pomeriggio trasferimento per Punakha. La strada che conduce a Punakha corre a 3100 metri di altitudine attraversando il valico di Dochu La che ci offre un panorama spettacolare. Arrivo in hotel. Pernottamento.

SETTIMO GIORNO

Thimphu – Punakha 75 km (3 ore ca.) Prima colazione in hotel. Visita del Thimphu Tsechu Festival. Spettacolare e impressionante festa della cultura bhutanese: danze sacre e rituali eseguiti dai monaci con maschere colorate e costumi preparati appositamente per il festival. Il suono dei tamburi e cimbali crea un aura sublime, è un’occasione per ricevere le benedizioni e pregare per la salute e la felicità. Nel pomeriggio trasferimento per Punakha. La strada che conduce a Punakha corre a 3100 metri di altitudine attraversando il valico di Dochu La che ci offre un panorama spettacolare. Arrivo in hotel. Pernottamento.

OTTAVO GIORNO

Punakha – Paro (125 km 4 ore ca.) Rientriamo a Paro attraverso il passo Dochu La. La nostra strada ci offre un panorama spettacolare sul corso dei fiumi Wang Chhu e Paro Chhu. Tappa per la visita del Simtokha Dzong, un luogo di meditazione e insegnamento del buddismo esoterico e della lingua dzongkha. Visiteremo anche il Museo Nazionale, realizzato all’interno del Ta Dzong, antica torre di guardia. Il museo presenta una vasta collezione di antichi thangkha dipinti a mano, (il thangka è uno sorta di stendardo esposto nei monasteri o presso le abitazioni), tessuti, armi e armature, oggetti di uso quotidiano. In seguito a piedi raggiungiamo il Rinpung Dzong, fortezza del mucchio di gioielli. Lungo le gallerie di legno che costeggiano il cortile sono presenti affreschi sulla storia e sulla tradizione buddista (i quattro amici, il vecchio uomo di lunga vita, il samsara, la vita di Milarepa, il Monte Meru, il Mandala cosmico). Rientriamo a Paro. Pernottamento in hotel.

NONO GIORNO

Monastero Taktshang Prima colazione. Ci aspetta una spettacolare escursione a piedi al Monastero Taktshang, la tana della tigre (complessivamente 5 ore andata e ritorno a piedi). Incastonato sul fianco della montagna sulla valle di Paro, è uno dei complessi di templi e monasteri più famosi del Bhutan, edificato alla fine del 1600 in una zona segnata dalla presenza di suggestive e affascinanti caverne. Visitiamo poi Drukgyel Dzong, una fortezza in rovina nota per le gesta dei guerrieri del Bhutan contro gli invasori tibetani. Dal monastero ammiriamo la vetta innevata del sacro monte Chomolhari, montagna della dea. Sulla via del ritorno visitiamo Kyichu Lhakhang, uno dei 108 templi (come i grani del rosario buddista) costruiti in Himalaya dal re tibetano, Songtsen Gampo, la sua costruzione segna l’introduzione del Buddismo in Bhutan.

DECIMO GIORNO

Paro – Katmandu – Volo di rientro Partenza da Paro per Katmandu. Trasferimento in aeroporto e volo per Kathmandu. Abbiamo ancora un po’ di tempo e possiamo visitare, nei pressi della città, Swayambhunath e Patan. Swayambhunath (7 km dal centro della città), il tempio delle scimmie, è un antico complesso religioso (composto da un grande stupa e numerosi templi), situato in cima ad una collina nella valle di Kathmandu. Visitiamo poi Patan, o Lalitpur, antica città reale, anch’essa situata nella valle di (a circa 9 km). Il nucleo antico, intorno a Durban Square costituisce una delle sette zone monumentali della Valle di Kathmandu inserite nella lista del Patrimonio Mondiale Unesco.

Privacy: Accetto i termini della Privacy Policy.*

400 401 406

INFORMAZIONI UTILI

  • DOCUMENTI. Passaporto con validità residua di sei mesi. La procedura per il rilascio del visto è curata dalla nostra organizzazione. Il governo del Buthan chiede di dimostrare una spesa minima giornaliera da 200 a 290 USD al giorno. L’emissione del visto costa 40 €.
  • PREACAUZIONI SANITARIE. Nessuna vaccinazione è obbligatorie; è consigliata la copertura contro il tifo, epatiteA , epatite B; è opportuno anche un richiamo antipolio in quanto la poliomielite è ancora presente nel Paese. La profilassi antimalarica è consigliata per la visita delle zone di Chhukha, Samchi, Samdrup, Jonkhar, Geylegphug e Shemgang.
  • IN VALIGIA: creme solari, occhiali da sole, cappellino, un impermeabile, e qualche indumento pesante per le zone più elevate. Medicinali d’uso personale. Abbigliamento rispondente alle caratteristiche dei luoghi visitati, specie quelli sacri. Scarpe comode adatte anche a camminate in luoghi non asfaltati, calzini di ricambio da utilizzarsi dopo le visite nei templi in cui fosse necessario accedere senza scarpe.

Turismo Sostenibile Srl, Piazza Virgilio 34 | 57037 - Portoferraio Isola d'Elba (LI)
P.I. 01708200496 | Codice SDI: SUBM70N

Facebook Messenger
Live Chat
Invia con WhatsApp